Motoslitta Sauris di Sopra – Guidare la moto delle nevi

motoslitte-sauris-tour-prenota-visitait

Domenica 21 Febbraio – Motoslitta Sauris di Sopra. 

Giornata sport e motori all’aria aperta. Sveglia, colazione, abbigliamento da sci e si parte! Dopo circa un’ora di macchina, prendiamo l’uscita dall’autostrada Carnia – Tolmezzo e seguiamo le indicazioni per Villa Santina e poi Ampezzo. Iniziamo quindi la salita che porta a Sauris, attraversando i tunnel scavati nella viva roccia, costeggiamo il lago… Il panorama è meraviglioso. Abbiamo dovuto pazientare fino a febbraio inoltrato per poterci godere tutta questa neve, ma ne è valsa la pena!

lago sauris giornata motoslitta visitait

Arrivati a Sauris di Sopra, la fame comincia a farsi sentire… ci fermiamo al ristorante pizzeria Pame Stifl. Mentre sfogliamo il menù ci facciamo distrarre dalle invitanti pizze che vengono servite ai tavoli. Decidiamo però di ordinare una degustazione di prodotti locali: affettati e formaggi a km0, due (o forse più) birre Zahre. Focacce fatte in casa di cui una “ai tre agli” davvero gustose, per finire un assaggio di Radic di Mont. Il titolare è molto cortese, ci descrive con passione i piatti serviti. Felici e soddisfatti ci alziamo, paghiamo il conto e ringraziamo il padrone di casa. Siamo pronti per la nostra prima guida sulla neve.

Pame-Stifl-ristorante-pizzeria-km0

Motoslitta Sauris

A pochi passi dalla pista da sci ecco l’insegna “Motoslitta Sauris – Dolomiti Friulane“. Oltre a noi ci sono tre coppie che aspettano di partire per il tour, decidiamo di unirci a loro. Ascoltiamo le spiegazioni della guida: “Si viaggerà in fila indiana” dice Roberto, “siamo sulla neve, dove rispettare le distanze di sicurezza è importante e bisogna anche sapere che i tempi per le frenate sono più lunghi“.  Come funzionano le motoslitte?

motoslitta sauris prova visitait

Non è poi così difficile, è come guidare un mezzo a metà tra una moto e un quad. L’acceleratore è un grilletto da usare con il pollice e, dalla parte opposta del manubrio, c’è il classico freno. E’ importante che utilizziate il peso del corpo in curva per controbilanciare la motoslitta anche se vi renderete conto che è molto stabile pur dando a volte l’impressione di poter cedere lateralmente. In realtà non è mai successo, è più probabile cadere da fermi piuttosto che in movimento. Non utilizzate il piede fuori dalle pedane se vi sentite sbilanciati sui lati, non avete appoggi sulla neve fresca e sopratutto non riuscireste a sorreggerne il peso… usate il vostro corpo per pareggiare l’inclinazione della moto in curva e sui dossi, anche il passeggero può accompagnarvi negli spostamenti col busto. Indossate il casco e godetevi la corsa!“.

guidare la motoslitta Sauris FVG

Finito il briefing, saliamo sulla moto e partiamo seguendo la guida. Percorriamo la strada nel bosco con traccia già segnata, il che ci aiuta molto specialmente nella fase di sterzata. Non eravamo mai saliti su una motoslitta e tutte le informazioni pre-tour sono state molto utili per poterla guidare al meglio. Da subito noto che l’acceleratore ha una buona risposta ed è facile controllarne la potenza erogata. Il percorso è molto vario: salite e discese, tornanti, piccoli valichi e dune di neve. Si ha la sensazione di essere incollati al suolo, il grip e la potenza del cingolo sono incredibili! Adesso mi sento più sicuro e ho capito come giocare col peso e le gambe sulle pedane. La motoslitta è per tutti, nel gruppo c’è anche un bambino che viaggia con la guida seguito dai genitori. Si sta divertendo tantissimo! Il panorama è decisamente suggestivo.

tour motoslitta sauris di sopra visitait

L’escursione è durata poco più di un’ora, il tempo è volato… la prossima volta sceglieremo sicuramente il tour da due ore! La giornata volge al termine e dobbiamo rincasare. Ringraziamo il team e salutiamo gli altri partecipanti. Arrivederci Sauris, torneremo presto!!

sauris di sopra tramonto fvg

Volete saperne di più sulla motoslitta Sauris? Info e contatti.

Commenti

Lascia un commento